fbpx
Categorie
Lo scrittore artigiano

Parliamo di Marketing

Una delle cose importanti di cui si deve occupare uno scrittore che autopubblica i propri romanzi è il marketing (nel mio caso la promozione a scopo di vendita dei libri pubblicati). Dico subito che purtroppo è un mondo, quello del marketing, pieno zeppo di anglicismi, anche se esistono le corrispondenti parole di lingua italiana e quindi anch’io in questo post sarò costretto in parte ad utilizzarli, con un certo dispiacere.

Oggigiorno non si contano sia i corsi, gratuiti o a pagamento, on-line o in aula, che ti insegnano le regole basi del marketing sia le società di consulenza editoriale che, a partire da qualche centinaio di euro in su, si propongono per la gestione della promozione dei tuoi romanzi.

Personalmente, sino ad ora, dopo essermi documentato su manuali e aver seguito diversi corsi on-line e in aula, ho sempre scelto la via “autarchica” e ho gestito in proprio anche questo lavoro che non è affatto da sottovalutare perché, come diceva un vecchio saggio:

bisogna saper fare, fare e far sapere.

Tutti e tre i passaggi sono fondamentali, e valgono per qualsiasi aspetto della vita: sia che si scelga un nuovo lavoro, che ci si metta in testa di scrivere un libro, che si voglia cambiare vita!

Ma torniamo in argomento: sarebbe facile pensare che il marketing per un autore pubblicato da casa editrice dovrebbe essere a carico di quest’ultima, ma non è così, credetemi. La promozione di un libro riguarda ogni autore.

A parte forse le prime 10 case editrici italiane, tutte le altre (circa 1.800 quelle attive nel 2020) non hanno i mezzi economici per supportare lo scrittore nella promozione del proprio libro e quindi di fatto è lo stesso autore che si deve ingegnare a far circolare il volume appena faticosamente dato alla luce.

Tenete conto che, come scritto nell’ultima relazione sullo stato dell’editoria in Italia, reperibile sul sito dell’ AIE – Associazione Italiana Editori, nel 2020 complessivamente, le novità pubblicate sono state 73.675:  vale a dire 201,8 nuovi libri pubblicati ogni giorno, sabato e domenica compresi. E in questo numero non è calcolato il libro che ho auto-pubblicato nel 2020, in quanto non passa dal canale “editoria tradizionale”. 

Quasi sempre, sentirete parlare del libro come di un “prodotto” e quindi ne consegue che, come tale, valgono anche per lui le regole comuni del marketing. Sono d’accordo in parte.

Il libro è un prodotto perché è fatto di carta, colla e inchiostro e questi sono assolutamente componenti fisici e chimici che si riscontrano in altri prodotti dell’industria, non c’è dubbio.

Ma il libro porta con sé anche qualcosa d’altro: idee, pensieri, sentimenti, odori, profumi, crea attese, speranze, illusioni, apre i cuori, può dilatarli fino a far sembrare di poter toccare l’infinito con un dito o può costringere il respiro e tenerlo sospeso sino allo spasimo… insomma, avete capito, tutti questi componenti “immateriali” difficilmente si trovano riuniti insieme in un altro prodotto industriale. 

Quindi possiamo dire che il libro è un prodotto unico, creato dall’essere umano al culmine della propria capacità tecnico-creativa, avvenuta quando il primo scrittore ha inciso su una tavoletta di creta o su un papiro, o su una roccia, il suo primo racconto, magari per suo figlio, o per suo nipote, o semplicemente perché voleva farlo leggere a qualcuno dopo di lui.

Come si fa il marketing di un prodotto così complesso?  

Beh, per prima cosa le sacre regole ti dicono che oggi lo scrittore deve per forza avere un sito internet, una vetrina dove mettere in mostra i prodotti (libri).

Poi viene la comunicazione, sempre importante quando si parla di marketing: dal tuo sito devi con frequenza stabile inviare newsletter ai tuoi followers (scrivere qualcosa a chi ti ha lasciato il proprio indirizzo mail, previa accettazione del consenso privacy). Questo farebbe sentire i possibili acquirenti dei tuoi libri coccolati, legati a te da un flusso costante di comunicazione e quindi propensi, in teoria, ad acquistare le tue pubblicazioni presenti e future.

Quindi bisogna inseguire il mare magnum dei social: è impossibile oggi fare marketing senza frequentare i più seguiti canali social e quindi ciò che pubblichi sul tuo sito lo devi linkare (trasferire) sui social che hai deciso di frequentare.

Oltre alle newsletter ci sono i messaggi video, le video interviste, le dirette streaming (via Internet) a fiere, incontri e convegni che potresti/dovresti frequentare per cercare di parlare della tua ultima pubblicazione.

Ultimi nati: i canali blog digitali che parlano di libri, molto seguiti dai giovanissimi che producono recensioni a ritmo serrato. In questo caso però il risultato dipende molto dal genere di libro che hai scritto.

Infine, ci sono i canali tradizionali: la “vecchia” carta stampata, locale o meglio ancora nazionale, sulla quale potresti farti fare una recensione all’ultimo nato e la televisione, locale e nazionale. 

Il passaggio di un libro in TV ha senz’altro il vantaggio che in pochi minuti viene visto da centinaia di migliaia di persone e facendo un banale calcolo, il tasso di redemption (le vendite in percentuale rispetto a quanti hanno visto l’intervista) è sicuramente tra i più vantaggiosi rispetto a tutti gli altri canali sopra descritti.

Non vado oltre, ma è chiaro che non c’è limite alla fantasia e al marketing e qualsiasi cosa può diventare fonte di marketing di un libro. Anche l’etichetta di una bottiglia di vino. 

Ma basta tutto questo per fare il successo di un prodotto come quello di cui stiamo parlando?

Quando possiamo dire che un libro ha avuto successo?

A questa domanda non do la mia risposta, perché mi sono accorto di aver violato due delle prime regole di marketing relative alla scrittura di un post: la brevità e la sinteticità.

Ma, forse lo avete intuito, seguo il marketing a modo mio e credo che questo post sia della lunghezza giusta, tenuto conto di quello che volevo raccontarvi.

Fatemi sapere cosa ne pensate. La prossima volta vi racconto le tecniche di promozione che ho pensato, sviluppato e realizzato sino ad ora per i miei libri.

Age quod agis. 

Quel che fai, fallo bene. 

4 risposte su “Parliamo di Marketing”

Sei un vero scrittore anche nello spiegare il complesso mondo del marketing con tanto di riferimenti a dati ufficiali ecc. Avanti così e rivelaci le tecniche di promozione che stai utilizzando. Ciaooo

Caro Lorenzo sono d’accordo con quello che stai dicendo Infatti conosco questo tipo di problematiche. Comunque quello che ho verificato e che bisogna assolutamente parlarne con gli amici i quali ti possono fare pubblicità e poi presentare il tuo prodotto in biblioteche librerie che possono essere anche trampolini di lancio. Ne parleremo molto volentieri anche tramite dei video che ho girato quando presentato dei libri.

Rispondi a Silvia Beretta Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.