fbpx
Categorie
Lo scrittore artigiano

Parliamo ancora di marketing

Prima di raccontarvi, come promesso nel post precedente, il mio approccio al mondo del marketing relativo ai libri auto-pubblicati, voglio dedicare alcune riflessioni all’anno che sta per terminare.

Non parlerò di salute, di pandemia, non mi lamenterò delle libertà che non abbiamo avuto né di quello che avremmo potuto fare se…, del lavoro che non abbiamo avuto, ma…, non perché la salute, il lavoro e tutto il resto a cui abbiamo rinunciato non siano cose importanti, lo sono, ma perché i se e i ma sono scuse a cui ci aggrappiamo per nascondere la nostra accidia, il nostro comodo status quo, la nostra zona di comfort che questi mesi così difficili hanno involontariamente, forse anche inconsapevolmente, alimentato.   

Di questo 2021 per prima cosa ricorderò la nascita di questo sito Internet, che da diverso tempo avevo in animo di creare e che finalmente ha visto la luce. Sono molto soddisfatto di quello che sono riuscito a fare con le mie sole forze, tecnologicamente molto limitate! 

Secondo: la pubblicazione a maggio del mio quinto romanzo della serie del commissario Pasubio: I segreti di Nelide Arsotti. A questo libro tengo molto perché, chi lo ha letto lo sa, c’è un riferimento ad uno dei maestri di cui parlo anche nel blog: mio nonno Raffaele. E, non ultimo, la bellissima copertina acquarellata da mia figlia Michela!

Terzo e ultimo: la decisione di iniziare la stesura del mio primo romanzo storico, un’esperienza che mi sta arricchendo molto, ma che non immaginavo fosse così impegnativa… vedremo alla fine il risultato, magari già nel 2022!

Basta, fine dei punti esclamativi.

Come vedete, non ho chiesto risultati ambiziosi a questo 2021, ma tutto quello che sono riuscito a compiere in questi dodici mesi, anche se possono sembrare piccole cose, mi ha dato grandi soddisfazioni e di questo sono grato a Colui che mi ha concesso il tempo di realizzarle.

Ed ora vi racconto il mio approccio al marketing librario.

Passata l’euforia che sfiora ogni esordiente alla sua prima pubblicazione, che dura il tempo di rendersi conto che in quello stesso giorno, insieme al suo, sono stati pubblicati in Italia qualche centinaio di libri, mi sono reso conto che per forza occorre inventarsi qualcosa per farsi conoscere “Urbi et Orbi”.

La prima idea che mi è venuta in mente si basava su qualcosa che mi piaceva fare e che ho pensato potesse andare bene anche per promuovere i miei libri: un video promozionale, in gergo un book-trailer.

Da diversi anni sul mio canale YouTube  pubblico video promozionali sulle opere di artisti viventi e poco conosciuti, video artistici o a carattere sociale. Insomma, mi diverto a fare il regista di piccole produzioni che hanno sempre uno scopo culturale e insieme quello di elevare l’animo e la propria conoscenza personale. 

Ho quindi pensato nel corso degli anni di accompagnare l’uscita dei miei romanzi alla produzione di un video promozionale.

Qui di seguito potete visionare i risultati ottenuti:

Video abbinato all’uscita de: Il caso Falchi
Video abbinato all’uscita di: Omicidio alle Cinque Vie

Il video di Omicidio alle Cinque Vie in verità è stato ideato da una mia amica scrittrice, Silvia Molinari, che l’ha realizzato dopo aver letto il romanzo.

Video abbinato all’uscita de: I Segreti di Nelide Arsotti

In termini di visualizzazioni prodotte, come potete facilmente constatare voi stessi, i tre video non mi hanno assolutamente soddisfatto. In questi casi, quale processo psicoanalitico si instaura? Non è il book trailer che non funziona, ma sono i miei book trailer che non sono performanti per… mille ragioni!

E infatti, per promuove tutti e cinque i miei romanzi gialli durante questo periodo di feste, che cosa ho pensato di fare? Ho pensato di affidarmi ad un professionista, Simone Cattaneo, un giovane video-maker che devo dire ha saputo dare un’impostazione assolutamente diversa al video che mi ha realizzato.

Il risultato lo potete visionare qui: 

Non ci sono paragoni con quelli auto-prodotti, che ne dite? E la conferma è che in un mese il video è già stato visto 140 volte mentre, per esempio, quello relativo a Il caso Falchi è stato visionato 148 volte, ma è stato pubblicato nel 2016!

Oltre ai book-trailer, in questi anni ho pubblicizzato le mie creazioni anche attraverso i canali social, presentazioni presso biblioteche o circoli, omaggiando la biblioteca di Bollate di tutte le opere che nel corso degli anni vedevano la luce, spedendo a giornali locali o riviste il materiale sperando di ottenerne una recensione, regalando copie ad amici e parenti, sperando nel passaparola che è, comunque, un ottimo canale promozionale, tra l’altro assolutamente gratuito. 

Alla fine, quello di cui mi sono accorto dopo dieci anni di scrittura e sei romanzi pubblicati, è questo: la migliore pubblicità è quella che il libro si fa da solo. Voglio dire: prima bisogna investire nella qualità dello scritto e poi se il libro è valido, allora si auto promuove da solo.

Certo, se uno scrittore dispone di somme ingenti da spendere per promuove il proprio romanzo, questo avrà all’inizio uno sviluppo considerevole di copie vendute ma poi, se il libro è debole e le recensioni dei lettori non lo sostengono, il fuoco si spegne da solo e sarà inutile ogni forma di pubblicità ulteriore per far vendere copie.

Quello che mi ha sostenuto in tutti questi anni e che mi spinge ad un continuo impegno per migliorarmi sono state le positive recensioni, pubblicate su diversi siti, da parte di persone che non conosco, che hanno acquistato e letto i miei libri e a cui i libri letti sono piaciuti.

Credetemi, per uno scrittore, non c’è nulla che valga di più di un commento positivo alla sua creatura. Purché chiaramente sia un commento onesto e sincero.

Ma per quale motivo uno che non ci conosce e che paga il tuo libro dovrebbe lodarlo se non gli è piaciuto?

Però, attenzione, non voglio essere frainteso: ho ricevuto anche tante recensioni critiche o negative. Vanno accettate tutte, le belle e le brutte, anche perché da quelle negative, tolte quelle degli odiatori seriali che si riconoscono subito e vanno accantonate, se le leggiamo bene, c’è sempre qualcosa da cui imparare per migliorarsi in futuro.

Anche questa volta temo di non aver rispettato le sacre regole della scrittura di un post e mi sono dilungato. Amen. Tanto è l’ultimo post del 2021 e per un po’ mi dedicherò alla stesura del mio romanzo storico (primo obiettivo del 2022) quindi non penso di scrivere un altro post a breve. Questo potete leggerlo a rate!

Vi lascio con l’augurio di trascorrere questo tempo in buona compagnia di voi stessi e dei vostri affetti più cari. 

Per il pranzo di Capodanno posso suggerire un bianco fresco del commissario Pasubio!

E di questa ultima idea di marketing cosa ne pensate?

Per non far torto a nessuno, ringrazio l’amico e scrittore Giuseppe Carfagno che me l’ha suggerita!

Age quod agis. 

Quello che fai, fallo bene

Una risposta su “Parliamo ancora di marketing”

Buon 2022 Lorenzo! Come spesso accade, anche questa tua riflessione è occasione per condividere il ringraziamento per ciò che abbiamo vissuto e la speranza “agonistica” (riprendo la tua chiusa) per ciò verso cui andiamo… il messaggio è chiaro: la vita non “capita”, ma la dobbiamo “far capitare”. Un augurio di buon anno esteso a tutta la comunità dei tuoi lettori!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.